Wing Chun Torino

Kung Fu e Difesa Personale
 
IndiceIndice  CalendarioCalendario  La storiaLa storia  FAQFAQ  CercaCerca  Lista UtentiLista Utenti  GruppiGruppi  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  


Wing Chun o Wing Tsun

Il Wing Chun è uno stile di Kung Fu derivato dal sistema di Shaolinquan del sud della Cina.
Il nome Wing Chun (Eterna Primavera) viene traslitterato in vari modi dalle diverse federazioni e spesso vi sono sensibili differenze nell'interpretazione di alcuni princìpi.

Sembra che il Wing Chun sia stato concepito da una monaca buddhista sfuggita alla distruzione del proprio monastero di Shaolin. Da altre fonti sembra appurata la sua creazione come stile supremo mettendo insieme il meglio delle conoscenze marziali di Shaolin e dei templi associati, per creare l'arma definitiva contro la dinastia Qing.

I passaggi successivi sono alquanto contrastanti nelle varie versioni ma in occidente il Wing Chun è stato per lo più insegnato dagli allievi della scuola di Yip Man, tra cui spicca soprattutto Leung Ting fondatore del Wing Tsun. Da qui il proliferare di scuole che sulla carta insegnano la medesima arte, con nome diverso, pronunciato in maniera identica, però con differenze tecniche spesso abissali.


In pratica

Pur trovando le sue origini principalmente negli stili Shaolin, nel Wing Chun non vi sono espliciti richiami al mondo animale, ma il tutto è rapportato all'essere umano. Peculiarità e specializzazione tipica del Wing Chun è il "contatto", ovvero un utilizzo della percezione tattile e cinestetica dell’azione, intenzione e biomeccanica avversaria a corta distanza. In questo caso attacchi e difese, azioni e reazioni, sono studiati "sentendo" l’avversario in contatto su di noi, solitamente ed inizialmente con le braccia, ma poi anche con gambe, spalle, busto e tutto il corpo. Le reazioni durante il combattimento in contatto divengono geometricamente logiche ma soprattutto istintive e più rapide, in misura molto maggiore di quanto lo sarebbero in relazione ad uno stimolo di tipo puramente visivo.

Non esistono "mosse" o "trucchetti", si creano delle basi tecniche da combinare inconsciamente a seconda delle necessità, ovvero sviluppare reazioni il più possibile universali.
I movimenti risultano esteticamente poco attraenti e per nulla acrobatici, si riducono al minimo, sfruttando al massimo le proprie energie, soltanto praticità totale supportata da allenamento.

Tipici del Wing Chun sono i pugni a catena, pugni portati in rapida successione che mirano a seguire l'avversario colpendolo ripetutamente finché non è in grado di opporre resistenza. Un uso più dinamico delle braccia chiamato spesso "frusta", consente al braccio di scaricare potenza dal corpo in qualsiasi posizione si trovi.
Per quanto riguarda i calci, in realtà è presente ben più di quanto sembra, mentre applicativamente vanno solitamente impiegati ad altezza massima della cintura.
Le armi tradizionali del Wing Chun sono il bastone ed i coltelli a farfalla.

Il Wing Chun è uno stile di Kung Fu particolarmente adatto alla difesa personale, proprio per le sue peculiari caratteristiche. Nel mondo diversi corpi di pubblica sicurezza o eserciti lo praticano.

I principi del Wing Chun creano un sistema di difesa aggressiva che consente di adattarsi immediatamente ai movimenti, la forza e al modo di combattere di un aggressore.

Ogni colpo nel Wing Chun segue una Linea Centrale del corpo immaginaria e protegge un Cuneo immaginario.
Non esistono "parate" nel Wing Chun ma ogni colpo è dato in maniera tale da fornire una difesa allo stesso tempo ed è seguito da un altro colpo in modo concatenato.
Il contatto con l'avversario è morbido seguendo il principio della "molla" per il quale l'azione dell'avversario fa scattare la nostra reazione.


Yip Man
Yip Man - Bruce Lee